Category Archives: Cultura e Società

Il ritorno di Marx. Zeit gli dedica la copertina : “Aveva ragione lui?”

Ampio reportage del settimanale tedesco sul filosofo di Treviri: “Uomini avidi, ingiustizie e l’insurrezione dei dimenticati: ha visto tutto. Cosa possiamo imparare da lui, nonostante il marxismo” Uno spettro non si aggira più per l’Europa: quello di Karl Marx. E il settimanale tedesco Zeit, che ha dedicato al padre del comunismo la sua copertina di questa settimana, non è convinto

Leggi altro

Le basi culturali della xenofobia europea

Riflessioni a margine di un articolo di Micha Brumlik dal titolo “Il pensiero vecchio delle nuove destre”.  Di Giancarlo Fagiano Cresce la consapevolezza della centralità che da tempo, e con crescente accentuazione, riveste la gestione “politica” dei flussi migratori in Europa, Italia ovviamente compresa. Le politiche sostenibili di accoglienza ed integrazione non solo si scontrano con le oggettive difficoltà che

Leggi altro

“La coscienza dei luoghi” saggio di Alberto Magnaghi e Giacomo Becattini

Recensione apparsa su “Il Manifesto” del 09/03/2016 in articolo con titolo “Le virtù del territorio dopo l’apocalisse finanziaria” Giacomo Becattini è uno dei più accreditati studiosi di sviluppo locale e in particolare di distretti industriali. In questo La coscienza dei luoghi (Donzelli) arricchito dalla presentazione dell’urbanista Alberto Magnaghi e dal dialogo conclusivo tra i due compie il passaggio finale del suo «ritorno

Leggi altro

Appunti sparsi sul concetto di “Comunità”

di Giancarlo Fagiano   Raccolti leggendo brevi saggi sul tema di Arnaldo Bagnasco, Sergio Cotta, Giulio Sapelli, Giovanni Busino   L’attuale contesto – sociale, economico, politico, culturale, mediatico – sta proponendo la/le “comunità” come una dimensione centrale, sia in senso positivo, quando viene individuata come una dimensione adatta per avviare e gestire processi migliorativi di diversa natura, sia in senso

Leggi altro

Un’ipotesi urbanistica per Torino: dalla Città della rendita alla Città dialogante e solidale

di Claudio Malacrino   1. Vulnerabilità e povertà Attenti analisti e recenti studi invitano a riflettere sul fatto che viviamo in un contesto sempre più contraddistinto da un diffuso senso di vulnerabilità in relazione alla incombente povertà. Un’esperienza – quella della povertà – percorsa già da generazioni recenti di cinquantenni e che, oggi, investe i 40/45enni e i giovani. Una

Leggi altro

I tre silenzi del governo che fanno male alla scuola

di Tullio De Mauro linguista per Internazionale Il disegno di legge Giannini e altri, “Riforma del sistema nazionale di istruzione”, e i documenti governativi che lo hanno preceduto e lo accompagnano sono stati colpiti da molte critiche puntuali, tante da rendere difficile il compito di riassumerle. Lo hanno fatto su Internazionale due recenti messe a punto diChristian Raimo il 5

Leggi altro

Le passioni di Roberto Longhi

A Roberto Longhi (1890-1970) si deve la riscoperta dei cosiddetti primitivi. E una innovativa e sensibile interpretazione della pittura del Trcento. Con al centro Giotto che, uscendo dalla piatta visione medievale, per la prima volta fa agire i personaggi nello spazio lasciando che le passioni e i sentimenti affiorino sui volti. Ma nel quadro del gotico internazionale seppe anche cogliere

Leggi altro

Le vene aperte dell’America Latina

“L’utopia è là, all’orizzonte. Mi avvicino di due passi, lei si allontana di due passi. Faccio dieci passi e l’orizzonte si sposta di dieci passi. Per quanto cammini, mai la raggiungerò. A cosa serve l’utopia? Serve a questo: a camminare” Lo scrittore uruguaiano Eduardo Galeano è morto a 74 anni a Montevideo. Era stato ricoverato in ospedale il 10 aprile

Leggi altro

Quei legami pericolosi tra polis e guerra civile

Questo testo è tratto dal primo capitolo di Stasis di Giorgio Agamben (Bollati Boringhieri pagg. 84, euro 14). Che una dottrina della guerra civile manchi oggi del tutto è generalmente ammesso, senza che questa lacuna sembri preoccupare troppo giuristi e politologi. Roman Schnur, che già negli anni Ottanta formulava questa diagnosi, aggiungeva tuttavia che la disattenzione nei confronti della guerra

Leggi altro
« Vecchi articoli